Principali Blog che focalizzano l’attenzione sulle curiosità legate al mondo della fotografia, sulla tecnica fotografica, sulle recensioni e prove di attrezzature e software.

Italian Street Eyes – ISE

    Feed has no items.

    Photofocus.com

    • Photo Mechanic details version 6 and 6+, announces catalog feature
      by Mike Hagen on 18 Marzo 2019 at 10:00

      The team of developers at Photo Mechanic have two big software announcements for 2019. First, Camera Bits (Photo Mechanic’s parent company) is releasing a new version of their excellent browsing software in March 2019. Second, they are releasing their long-awaited image catalog functionality in April of 2019. I can’t tell you how excited I am […]

    • Photographer of the Week: March 11-15, 2019
      by Bryan Esler on 17 Marzo 2019 at 20:00

      Every weekday, Photofocus curators share a great photograph taken by one of our readers. Every month we highlight photographs in the genres of architecture, portrait, outdoor, street and a flex category that changes each month. In March, we started featuring urban exploration photos. In April, we’ll explore the world of travel. As dedicated writers for […]

    • Sunday Comics: About photobombs
      by Kevin Ames on 17 Marzo 2019 at 16:00

      Once again, wisdom and a smile from the Shoppe Designs, thanks! […]

    Photographers.it

    • Mostre Diffuse
      on 15 Marzo 2019 at 15:10

      ecco il concept di Mostre Diffuse Fotografia (www.mostrediffuse.it) 2019, manifestazione che avverrà  tra il 11 maggio ed il 19 maggio 2019: A https://www.mostrediffuse.it/regolamento-mostre-diffuse-fotografia-2019/ il regolamento per sottoporre mostre al comitato. Storie di acqua e di paesaggi - L'acqua interviene condizionando con il suo utilizzo la storia delle persone e della società in una continua evoluzione naturale e culturale, modellando il paesaggio con il suo scorrere, lasciando segni che ne determinano la bellezza ed il fascino.L'acqua è vita, risorsa indispensabile per l'esistenza del genere umano. Tuttavia oggi i cambiamenti climatici evidenziano, come non mai, l'impetuosità dell'acqua trasformandola da risorsa a emergenza, generando impatti negativi nel mondo sociale, economico e ambientale. Tornare a guardare all'acqua come "bene comune", riassegnandole un ruolo di alleata per l'uomo, deve essere l'impegno della collettività. Mostre Diffuse Fotografia è un progetto che diffonde l’interesse per la fotografia, crea esposizioni fotografiche temporanee nei locali dismessi del centro storico di Magliano Sabina, realizza l’integrazione tra cultura, arte e costume, generando uno spazio aperto di incontro e confronto non solo tra gli autori, professionisti in campo fotografico e appassionati,  ma anche con la popolazione locale e di passaggio, coinvolgendoli in una riflessione su come recuperare il territorio per il futuro. Mostre Diffuse Fotografia vuol dire mostre fotografiche distribuite per la città, appuntamenti  con gli autori, workshop, presentazione di libri fotografici. Mostre Diffuse Fotografia è una manifestazione organizzata da Bycam Fotografia di Teresa Mancini e da Riccardo Cattani, con il supporto degli Assessorati alla Cultura e al Turismo del Comune di Magliano Sabina, che riconoscono alla manifestazione valori culturali e di promozione del territorio. […]

    • Paesaggi... immaginari
      on 14 Marzo 2019 at 21:35

      Paesaggi... immaginari esposizione di arte contemporanea un progetto di Giovanni Mangiacapra per Associazione Connessioni Culture Contemporanee Evento promosso dalla Città Metropolitana di Napoli Complesso Monumentale REALE REGGIA BORBONICA DI PORTICI dal 22 marzo al 3 maggio 2019 Inaugurazione Venerdì 22 marzo ore 17.00 Patrocini: Consiglio Regionale della Campania - Comune di Napoli Comune di Portici - Comune di Ercolano Banca Etica - Dipartimento di Agraria - Centro Muse - Art Glace Collaborazione Associazione Culturale Soqquadro Artisti partecipanti: Andrea Angeletti, Ariela Böhm, Mariangela Calabrese, Giancarlo Ciccozzi, Diana D’Ambrosio, Luigi Di Sarno, Rossella Liccione, Giovanni Mangiacapra, Stefania Marino, Tiziana Mastropasqua, Michele Mautone, Sanja Milenkovic, Miro Gabriele, Leonardo Pappone, Elisabetta Piu, Simona Sarti, Angela Scappaticci, Pasquale Simonetti, Sergio Spataro, Lisa Stefani, Stefania Vassura. Curatela Marina Zatta e Giovanni Cardone all'apertura della mostra interverranno Elena Coccia - Giovanni Cardone - Giovanni Mangiacapra Evento abbinato: Momento Musicale del Conservatorio San Pietro a Majella Esecutori: Federica Chello, violino - Monia Massa, violoncello Il Titolo della mostra, Paesaggi....immaginari vuole sottolineare la capacità della Natura di interagire con le sensibilità poetiche nella creazione artistica. Cos'è un Paesaggio? E' una Visione, uno sguardo dattorno che, all'improvviso, ci riempie di Meraviglia, o di Orrore, o di Curiosità, o di mille cose all'unisono. Cose sempre, eppure mai viste, in un attimo ci catturano, ci trascinano e fanno tracimare le nostre emozioni. I nostri occhi all'improvviso ci distraggono dai pensieri, ci immergono in una dimensione inaspettata nella quale rimaniamo immobili: basta un secondo, la frazione di un attimo ed ecco che usciamo da noi stessi per trovarci immersi nel Mondo. Questa visione ha sempre rappresentato per gli artisti un irresistibile desiderio di esprimere il proprio sentire, lo sguardo degli Artisti rende immobile la meraviglia, eternizza l'attimo nelle loro opere e questa esposizione vuole rendere omaggio alla narrazione artistica del Paesaggio, alla stimolazione poetica che esercita su chi fa Arte. L'Arte si nutre e al contempo nutre il Mondo, si meraviglia e meraviglia, si racconta e narra, si incuriosisce e si fa curiosa, coniuga l'Uomo e il Mondo, ricollega il cordone ombelicale tra Noi e lo Spazio, tra la nostra mortalità e l'eternità del cosmo. Gli artisti in mostra si esprimono con stilistiche e tecniche diverse, ma in questo percorso espositivo sono accomunati dalla capacità di raccontarci il Mondo delle loro Visioni stimolando nello spettatore la nascita di una nuova Meraviglia dello Sguardo. L'esposizione è ospitata nella Reggia di Portici, tra i più splendidi esempi in Europa di residenza estiva della famiglia reale borbonica e della sua corte. Posta alle pendici del Vesuvio ha un bosco superiore ed uno a valle, esteso fino al mare. La Reggia fu costruita nel 1738 per volere del re di Napoli, Carlo di Borbone, e della moglie, Amalia di Sassonia. Lavorarono alla sua realizzazione ingegneri, architetti e decoratori, da Giovanni Antonio Medrano ad Antonio Canevari, da Luigi Vanvitelli a Ferdinando Fuga; per la decorazione degli interni operarono, Giuseppe Canart, Giuseppe Bonito e Vincenzo Re, per il parco e i giardini Francesco Geri. Il sito di Portici si rivelò profondamente intriso di memorie sepolte: ad ogni scavo della terra qualche meraviglia del passato riemergeva alla luce. I reperti, provenienti dalle città sepolte di Ercolano e Pompei e ben presto formarono una delle raccolte più famose al mondo e diedero vita all’Herculanense Museum, inaugurato nel 1758, successivamente le collezioni di archeologia furono trasferite a Napoli e costituirono il nucleo dell’attuale Museo Archeologico Nazionale. Il Sito Reale di Portici, oggi centro museale è luogo in cui convivono l’anima archeologica e l’anima scientifica. Il parco, a monte e a valle dalla Reggia conserva spazi di flora mediterranea, coltivi, vivai di specie pregiate di grande interesse per gli studiosi , con i suoi squarci paesaggistici, rappresenta per il visitatore un’affascinante immersione nella natura. Location: Reale Reggia Borbonica di Portici Indirizzo: Via Università 100 - Portici (Na) Durata della Mostra: dal 22 marzo al 3 maggio 2019 Orari di apertura: giovedì 15:00/18:30 venerdì 9:30/18:30 sabato: 9:30/18:30 domenica 9:30/13.30 Sponsor: buffet offerto dalla Gelateria del Gallo Info: [email protected] cel 339 7919227 Ingresso gratuito […]

    • Collettiva Fotografica SIMETO: IL LUOGO CHE NON C'E'
      on 13 Marzo 2019 at 18:28

      Venerdì 29 marzo 2019 alle ore 20,30 sarà inaugurata la mostra fotografica collettiva dei soci del G.F. Le Gru dal titolo "SIMETO: IL LUOGO CHE NON C’È" presso la Galleria FIAF-LE GRU (Corso Vittorio Emanuele, 214) di Valverde-CT; la stessa resterà aperta fino al 3 maggio 2019, tutti i mercoledì e venerdì non  festivi dalle ore 20,00 alle ore 22,00. La mostra - SIMETO: IL LUOGO CHE NON C’È C’era una volta e c’è ancora… un luogo dove l’acqua del fiume si sposa a quella del mare; dove il vento, cantore di storie lontane, scrive le sue note sui pini marittimi; dove profumi differenti si miscelano fra loro; questo luogo percettibilmente non definito è tutto Simeto. Prima di scattare si è entrati in armonia con il luogo, si sono assaporati i profumi, apprezzati i colori, ascoltati venti ed acque. A questo punto, chiusi occhi per qualche istante, riaprendoli, si è provato a fotografare i profumi assaporati, venti e acque ascoltati, colori osservati, scrivendo su tale luogo la propria personalissima Poesia. (Alfio Bottino) Nella collettiva LE GRU, ogni socio ha sviluppato un tema riguardante l’area del Simeto, realizzando un pannello tematico con più foto. Titoli dei lavori ed autori: Salinelle del Simeto di Giuseppe AMENTA, A varetta de piscaturi di Salvatore BADALÀ, Orti di Gaetano BONANNO, Ricordi di Alfio BOTTINO, Forre laviche di Mario CARAMANNA, Il cestaio di Gianfranco CONSIGLIO, I castelli del Simeto come Orione e Giza di Giuseppe FALCONE, I piatti del Simeto di Giuseppe FICHERA, Oasi del Simeto: incontri fortuiti di Roberto FICHERA, Pietra lunga di Stefano GIACOMETTI e Nunzia SCHIFILLITI, Rizzagghiu di Paola GAROFALO, Orme nel tempo di Rosaria PANTÒ, Avifauna di Ferdinando PORTUESE, Ponti di Sergio POLVERINO, I piccoli colori del Simeto di Biagio SALERNO, Variazioni in composizione di Rosa SALVIA, Tracce di Simeto di Daniela SIDARI, Acqua fuoco - vita morte di Michele TORRISI, Ferrovie dismesse di Pietro URSO, Simetite: ambra del Simeto di Gianluigi ZABERTO. Audiovisivo Simeto il luogo che non c’è di Antonio e Lorenzo D’AGATA. Info su www.fotoclublegru.it – e-mail: [email protected] &nbs […]